PREIMBALLAGGI

Per IMBALLAGGIO PRECONFEZIONATO O PREIMBALLAGGIO si intende l’insieme di un prodotto e dell’imballaggio individuale nel quale tale prodotto è preconfezionato.

Un prodotto è preconfezionato quando:

  • è contenuto in un imballaggio di qualsiasi tipo, chiuso in assenza dell’acquirente;
  • è preparato in modo che la quantità del prodotto in esso contenuta abbia un valore prefissato e non possa essere modificata senza aprire o alterare palesemente l’imballaggio stesso.

La normativa prevede un sistema di procedure e controlli finalizzati ad assicurare la conformità, entro determinate tolleranze, del contenuto effettivo degli imballaggi preconfezionati a quello dichiarato.

La sorveglianza in materia è attribuita al Ministero dello Sviluppo Economico che la esercita tramite le Camere di Commercio. Viene eseguita presso imprese produttrici ed importatori ed è volta a garantire la conformità degli imballaggi preconfezionati destinati alla vendita al consumatore finale.

 

TIPOLOGIE DI PREIMBALLAGGI

PREIMBALLAGGI CEE, regolati dal D.L. 3 luglio 1976 n. 451 e successive modificazioni ed integrazioni (per alcuni liquidi alimentari) e dalla L. 25 ottobre 1978 n. 690 e successive modificazioni ed integrazioni (per i prodotti diversi dai liquidi alimentari);

 PREIMBALLAGGI DI TIPO DIVERSO DA QUELLI CEE, regolati dal D.P.R. 26 maggio 1980 n. 391 e successive modificazioni ed integrazioni.

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

  • L. 25/10/78 n. 690 -  (PREIMBALLAGGI C.E.E.)
  • D.P.R. 26/5/80 n. 391 - (PREIMBALLAGGI NAZIONALI)
  • D.L. 3/7/76 n. 451  convertito con L. 19/8/76 n. 614 - PREIMBALLAGGI C.E.E. contenenti liquidi alimentari (e bottiglie recipienti di misura)
  • D.M.  5/8/1976 - Disposizioni in materia di preimballaggi CEE e di bottiglie recipienti misura CEE D.M. 27/2/1979 - Disposizioni in materia di preimballaggi CEE disciplinati dalla legge 25/10/1978 n. 690
  • D.M. 6/11/2001 Metodo per la determinazione del peso sgocciolato nei prodotti alimentari ittici preconfezionati
  • D.Lgs. 25/1/2010 n. 12 Attuazione della direttiva 2007/45/CE che reca disposizioni sulle quantità nominali dei prodotti preconfezionati, abroga le direttive 75/106/CEE e 80/232/CEE e modifica la direttiva 76/211/CEE.

 CIRCOLARI MINISTERIALI

  • Circolari ministeriali  Prot.  453369  del 19/9/1995 n. 71/2 e Prot. 551189 del 17/4/1996 n. 43: Modalità di controllo alla produzione da parte del fabbricante dei preimballaggi CEE e nazionali
  • Circolare ministeriale Prot. 553160 del 21/11/1996 n. 110: Modalità di controllo alla produzione – controlli distruttivi.
Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti leggi l' Informativa completa e clicca sul pulsante "OK" per proseguire con la navigazione ACCETTO NON ACCETTO