Home » Regolazione del Mercato » Informazione economica » Rivalutazioni monetarie

Rivalutazioni monetarie

INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE FAMIGLIE DI OPERAI ED IMPIEGATI (FOI)

coefficienti di rivalutazione monetaria e variazioni percentuali.

Per adeguare periodicamente i valori monetari, ad esempio gli affitti o gli assegni dovuti al coniuge separato, si utilizza generalmente l'indice FOI, che si riferisce ai consumi dell'insieme delle famiglie che fanno capo a un lavoratore dipendente (extragricolo). Sul sito internet dell'Istat è possibile consultare:

___________________________________________________________________________________

Istruzioni per il calcolo manuale

La tabella può essere utilizzata  a) per rivalutare una determinata somma di denaro b) per calcolare la variazione percentuale del livello dei prezzi al consumo tra due diverse date.
Per calcolare la rivalutazione di un qualsiasi importo è necessario eseguire le seguenti operazioni:

1) si individua l'indice ISTAT del mese e dell'anno iniziale corrispondente al periodo da cui  decorre la rivalutazione
2) si individua l'indice ISTAT del mese ed anno finale in cui termina il periodo di rivalutazione
3) si divide l'indice più recente per l'indice più vecchio ottenendo il coefficiente di rivalutazione
4) per operazioni con indici non appartenenti alla stessa base si individua il coefficiente di raccordo in corrispondenza del periodo di rivalutazione, tra la data iniziale e quella più recente (Nel caso di operazioni con indici appartenenti alla stessa base, essendo il coefficiente di raccordo = 1, passare direttamente al punto 6)
5) si moltiplica il coefficiente di rivalutazione con il coefficiente di raccordo
6) si calcola il complemento all'unità di tale valore (al risultato ottenuto si sottrae 1)
7) si moltiplica per 100 il risultato ottenuto al punto 6)
 
ESEMPI DI CALCOLO

Variazioni percentuali tra indici mensili o medi annui

La variazione percentuale tra indici mensili (o indici medi annui) con medesima base di riferimento, è pari al rapporto degli indici mensili (o indici medi annui) messi a confronto, per 100, meno 100; il risultato finale è arrotondato a 1 decimale.

Se gli indici sono espressi in base di riferimento diversa, la variazione percentuale tra indici è pari al rapporto degli indici messi a confronto, moltiplicato per i coefficienti di raccordo tra basi contigue2 (tanti quanti sono i cambiamenti di base nell’intervallo di tempo considerato), per 100, meno 100; il risultato finale è arrotondato a 1 decimale.

Esempio 1. Si voglia calcolare la variazione dell’indice generale FOI senza tabacchi tra il mese di gennaio 2009 e il mese di gennaio 2016. L’indice generale FOI senza tabacchi di gennaio 2009, avente base 1995=100, è 134,2; quello di gennaio 2016, avente base 2015=100, è 99,7. Il coefficiente di raccordo da base 1995 a base 2010 è pari a 1,373; quello da base 2010 a base 2015 è pari a 1,071.

Il calcolo quindi è:

esempio1

Esempio 2. Si voglia calcolare la variazione dell’indice generale FOI senza tabacchi tra il mese di gennaio 1991 e il mese di gennaio 2016. L’indice generale FOI con tabacchi di gennaio 1991, avente base 1989=100, è 110,0; quello generale FOI senza tabacchi di gennaio 2016, avente base 2015=100, è 99,7. Il coefficiente di raccordo da base 1989 a base 1992 è pari a 1,189, il coefficiente di raccordo da base 1992 a base 1995 è pari a 1,141; quello da base 1995 a base 2010 è pari a 1,373; quello da base 2010 a base 2015 è pari a 1,071. Poiché il periodo preso in considerazione è a cavallo del febbraio 1992, si deve utilizzare anche il coefficiente Cst = 1,0009.

Il calcolo quindi è:

istat2

Coefficienti per le rivalutazioni monetarie

I coefficienti per le rivalutazioni monetarie sono dati dal rapporto degli indici (mensili o medi annui) messi a confronto, se questi sono espressi nella stessa base di riferimento. Se gli indici sono in base diversa, i coefficienti per le rivalutazioni sono pari al rapporto degli indici messi a confronto moltiplicato per i coefficienti di raccordo tra basi contigue, tanti quanti sono i cambiamenti di base nell’intervallo di tempo considerato. Se il periodo preso in considerazione è a cavallo del febbraio 1992, occorre utilizzare nel calcolo anche il coefficiente Cst = 1,0009. In tutti i casi, il calcolo viene effettuato in un unico passaggio, senza l’uso di termini arrotondati, e il risultato finale è arrotondato a 3 decimali.

Esempio 3. Il coefficiente di rivalutazione per tradurre i valori monetari del mese di gennaio 2009 in valuta del mese di gennaio 2016 è (si veda anche l’Esempio 1

ista3

Esempio 4. Il coefficiente di rivalutazione per tradurre i valori monetari del mese di gennaio 1991 in valuta del mese di gennaio 2016 è (si veda anche l’Esempio 2) :

istat4

Rivalutazioni monetarie

Per tradurre somme di denaro di un determinato mese (anno) in valuta di un mese (anno) successivo possono essere alternativamente utilizzati la variazione percentuale dell’indice nel periodo preso in considerazione o il coefficiente di rivalutazione monetaria.

Esempio 5. Si voglia tradurre in valuta del mese di gennaio 2016, la somma di lire 100.000 del mese di gennaio 1991:  si applica all’importo in lire la variazione percentuale degli indici nel periodo considerato, pari a +81,0% (si veda l’Esempio 2), si somma il risultato all’importo iniziale, e poi si effettua la conversione in euro

istat5

 si moltiplica la somma in lire per il coefficiente di rivalutazione pari a 1,810 (si veda l’Esempio 4), e poi si effettua la conversione in euro

istat6

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti leggi l' Informativa completa e clicca sul pulsante "OK" per proseguire con la navigazione ACCETTO NON ACCETTO